Le virtù e...i limiti - Tadelakt Keloe Decori e Rivestimenti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tadelakt

Igiene e salute
Il Tadelakt, oltre al fatto di essere un materiale sano e naturale, ha molte virtù nell’ambito della sanificazione degli ambienti: favorisce la regolazione e gli scambi igrometrici (di vapore) tra l’ambiente e le superfici murarie ed offre un eccellente isolamento termico. Pertanto, permeabile all'aria ed impermeabile all'acqua, lascia "respirare" le pareti ed il loro appoggio, evitando così ogni condensazione. Il suo pH elevato ha inoltre virtù fungicide e battericide che mantengono salubri gli ambienti, allontanando le muffe e i batteri che tipicamente saturano gli interstizi delle murature dei bagni convenzionali.

Sensualità
Il tadelakt, abbraccia le superfici contenute in ogni ambiente, sia dall’ aspetto suntuoso che minimale, uniformandole sotto un'unica pelle, che regala di volta in volta senzazioni di morbidezza, profumo, profondità, colore, movimento, luminosità, ogni volta diverse in un rinnovato ed infinito gioco di luce, tra la materia ed i sensi.

Versatilità di progetto
Il processo d’ indurimento del Tadelakt avviene gradualmente dall’ esterno all’interno del rivestimento, ed è grazie alla sua elevata elasticità che ha tutto il tempo di sposare ed accompagnare la struttura nelle sue variazioni. In tal modo è possibile rivestire ed uniformare in Tadelakt superfici complesse, anche se realizzate con materiali diversi e di  maggior rigidità, come nel caso dei getti in CLS a sbalzo parietale, spesso utilizzate in edilizia per ottenere architetture di ripiano senza appoggi a terra.

Ecologia
Il Tadelakt, come ogni malta di calce, quando è applicato su una superficie, inizia la sua "presa": è il processo d'indurimento che si realizza con la carbonatazione. La calce a contatto col gas carbonico contenuto nell'aria lo riassorbe, tornando la medesima pietra calcarea da cui proviene. In tal modo buona parte della CO2 prodotta durante la cottura delle pietre da calce viene riassorbita nel processo stesso, con evidenti vantaggi ecologici, rispetto ai convenzionali materiali cementizi.

... e i limiti ?
Il tadelakt , come gli altri rivestimenti teme gli urti accidentali, non tanto quelli convenzionali all’ uso degli ambienti, per i quali offre ottima resistenza, quanto quelli tipici degli urti con strumenti di lavoro (idraulico, eletrricista, falegname etc.); pertanto è richiesta massima attenzione nella fasi successive al rivestimento. I bordi smussati, tipici della lavorazione, ne limitano comunque i possibili impatti ed in caso di danneggiamento si può sempre intervenire attraverso dei ritocchi, armonizzati al complesso dell’ opera, che tuttavia possono risultare leggermente visibili.
Il Tadelakt è un materiale naturale, privo di addittivi e “facilitatori” chimici, pertanto i tempi per la sua completa maturazione (asciugatura) dipendono dalle condizioni climatiche e dal grado di assorbimento dei supporti. Quindi, in particolare nella stagione invernale, è necessario considerare un tempo più lungo per la praticabilità dei vani.
Il tadelakt non può essere pulito con prodotti acidi ed aggressivi chimici. In realtà non né ha alcun bisogno per le proprietà igieniche dovute alla sua composizione basica. Per la pulizia, si utilizza  il sapone nero del Marocco diluito in acqua, questo particolare sapone all’olio di oliva è un’ottimo detergente e al contempo nutre e rende brillante il tadelakt.


Follow Me on Pinterest
 
Tadelakt Keloe di Alberto Pietra Caprina Tel. 3384902464 e-mail info@keloe.com Copyright 2016
Torna ai contenuti | Torna al menu